SAGAD Società Autotrasporti Gestione Appalti Diversi S.r.l.

Sede legale e amministrativa:
via Principe Umberto, 47 – 00185 Roma
Tel: 06 4464923
Fax: 06 4467877
Mail: sagadsrl@libero.it

Sedi magazzino e logistica:
via Casilina, 1670 – 00133 Roma
strada della Genovesa, 90 – 37135 Verona

C.F. e P.IVA 03887591000
Title Image

Sanificazioni

Sanificazioni

Per far fronte alla necessità di enti pubblici e privati di effettuare sanificazioni e disinfezioni degli ambienti di lavoro al fine di prevenire ed eliminare contaminazioni da COVID19, la SAGAD mette a disposizione la sua esperienza pluriennale per affrontare questa emergenza.

Effettuiamo in tempi rapidi e con prodotti altamente professionali e certificati, disinfezioni e sanificazioni, secondo le modalità di seguito descritte:

  1. sanificazione delle superfici con idoneo prodotto all’ipoclorito di sodio;
  2. sanificazione mediante nebulizzazione a freddo di prodotto disinfettante;

 

  1. L’intervento di sanificazione delle superfici con idoneo prodotto all’ipoclorito di sodio verrà eseguito manualmente dai nostri operatori applicando le procedure indicate nella circolare del Ministero della Salute 0005443-22/02/2020-DGPRE-DGPRE-P sez. “Pulizia di ambienti non sanitari” secondo cui:

“…In stanze, uffici pubblici, mezzi di trasporto, scuole e altri ambienti non sanitari dove abbiano soggiornato casi confermati di COVID-19 prima di essere stati ospedalizzati verranno applicate le misure di pulizia di seguito riportate. A causa della possibile sopravvivenza del virus nell’ambiente per diverso tempo, i luoghi e le aree potenzialmente contaminati da SARS-CoV-2 devono essere sottoposti a completa pulizia con acqua e detergenti comuni prima di essere nuovamente utilizzati. Per la decontaminazione, si raccomanda l’uso di ipoclorito di sodio 0,1% dopo pulizia. Per le superfici che possono essere danneggiate dall’ipoclorito di sodio, utilizzare etanolo al 70% dopo pulizia con un detergente neutro. Durante le operazioni di pulizia con prodotti chimici, assicurare la ventilazione degli ambienti. Tutte le operazioni di pulizia devono essere condotte da personale che indossa DPI (filtrante respiratorio FFP2 o FFP3, protezione facciale, guanti monouso, camice monouso impermeabile a maniche lunghe, e seguire le misure indicate per la rimozione in sicurezza dei DPI (svestizione). Dopo l’uso, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto.”.

  1. La seconda opzione d’intervento prevede invece l’esecuzione di sanificazione erogando apposito prodotto sanificante atomizzato a freddo. Il prodotto applicato è una innovativa soluzione sterilizzante, dispositivo medico di classe IIB, equivalente ad acido paracetico, a PH neutro che agisce nei confronti di tutti i microrganismi, comprese le spore ed i virus, entro pochi minuti di contatto. Previene la formazione di biofilm batterici ed i connessi fenomeni di resistenza batterica. Il prodotto non svolge azione tossica generale né ha effetti irritanti.

L’intervento prevederà l’utilizzo di atomizzatore in aerosol: gli ambienti saranno trattati con il metodo della nebulizzazione a freddo sanificando le superfici, senza lasciare tracce ed aloni, ed eliminando carica batterica e virale eventualmente presente. Durante l’attività di nebulizzazione nei locali non ci dovrà essere permanenza di persone. Alla fine del trattamento, trascorsi 20 minuti, i locali dovranno essere arieggiati per circa 15 minuti prima di una nuova occupazione.

Nel Decreto Cura Italia, è stato introdotto un credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro. Si ricorda che la sanificazione degli ambienti è prevista anche nel Protocollo firmato da imprese e sindacati, proprio per garantire la sicurezza dei lavoratori sul posto di lavoro. In particolare, allo scopo di incentivare la sanificazione degli ambienti di lavoro, quale misura del contenimento del contagio del virus COVID-19 (coronavirus), ai soggetti esercenti attivita’ d’impresa, arte o professione è riconosciuto, per il periodo d’imposta 2020, un credito d’imposta, nella misura del 50% delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro, fino ad un massimo di 20.000 €.

 

Il credito d’imposta.è riconosciuto fino all’esaurimento dell’importo massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020.

Galleria immagini

Richiedi informazioni